Il latte vegetale è un sostituto perfetto al latte di mucca, soprattutto per chi è intollerante al latte vaccino (lattosio e proteine) e per chi sceglie un’alimentazione Vegan.

Le bevande vegetali sono inoltre indicate per chi ha problemi di colesterolo: il contenuto minimo di grassi saturi non comporta dei rischi per l’apparato cardiovascolare.

Il latte di soia e quello di avena, in particolare, si sono dimostrati in grado di ridurre i livelli di colesterolo, mentre il latte di mandorle, ricco di antiossidanti come la vitamina E, contribuisce a bloccare l’azione dannosa dei radicali liberi rallentando l’invecchiamento cellulare.

Questi tipologie di latte vegetale sono disponibili nei negozi e negli store specializzati, sono da preferire quelli di provenienza biologica per evitare di assumere pesticidi, fitofarmaci o prodotti ottenuti da organismi geneticamente modificati.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Latte di soia 
È una bevanda a base di fagioli di soia povera di grassi e priva di colesterolo. Il suo sapore è spesso poco gradevole ma sul mercato si trovano delle versioni aromatizzate. Insieme al latte di mandorle è il più ricco di proteine ma anche quello con maggiore quantità di grassi (2-3 gr. ogni 100, comunque meno dei 3,6 circa di quello vaccino). Tuttavia si tratta prevalentemente di grassi polinsaturi, tra cui i preziosi Omega-3 che, a differenza dei saturi di origine animale, non danneggiano la arterie. Contiene anche fibre, vitamine A, E, B e minerali: tra questi il ferro è presente in quantità doppie rispetto al latte di mucca. Spesso viene utilizzato per sostituire le formulazioni per l’infanzia nei bambini allergici o intolleranti.

Latte di mandorle 
È un latte piuttosto calorico, con un contenuto di grassi intermedio tra latte vaccino intero e parzialmente scremato, ma anche in questo caso si tratta di grassi prevalentemente polinsaturi. Le mandorle, infatti, sono ricche di preziosi nutrienti che dovrebbero far parte di ogni dieta sana, tra cui acidi grassi e antiossidanti (vitamina E) con effetti benefici sulla salute dell’apparato cardiovascolare. Contiene inoltre fibre e minerali.

Latte di riso 
Ricco di zuccheri semplici, fornisce energia prontamente disponibile. Insieme a quello di avena è la varietà che contiene la maggior quantità di carboidrati (10-12 gr. ogni 100) ed è quindi utile nei casi di intensa attività fisica. Ridotto è, invece, l’apporto proteico. Tra tutti i tipi di latte vegetale è il meno grasso; contiene prevalentemente polinsaturi, fibre, vitamina A, B, D, minerali. Ma le varietà in commercio sono quasi sempre addizionate con oli aggiunti, solitamente di girasole, per i quali è sempre bene verificare la provenienza.

Latte di avena
Anche il latte di avena è una valida alternativa a quello vaccino soprattutto per chi ha problemi di arteriosclerosi: questo cereale, infatti, si è rivelato efficace nel ridurre il colesterolo LDL. È una bevanda poco calorica e con un limitato contenuto di grassi, prevalentemente polinsaturi, contiene fibre, vitamina E e acido folico. Ricco di zuccheri semplici, fornisce energia prontamente disponibile. Come per il latte di riso ha una quantità molto ridotta di proteine; quello in commercio contiene sempre oli aggiunti, solitamente di girasole. Fornisce anche le vitamine del gruppo B presenti nell’avena, che intervengono nel metabolismo migliorando l’utilizzo degli zuccheri e stimolano l’appetito.

Scoprili tutti..