Obiettivo 5300 MW eolici installati per la fine dell’anno in Canada.

Obiettivo 5300 MW eolici installati per la fine dell’anno in Canada.

Il settore energetico verde in Canada ha conosciuto una crescita molto rapida ed è diventato una parte importante dell’economia canadese a tal punto che il numero degli occupati in questo settore supera quello degli impiegati nel settore dei combustibili fossili, le sabbie bituminose di cui è ricco lo stato dell’Alberta. Da questo tipo di terreno si estrae un bitume simile al petrolio che può essere convertito in petrolio grezzo sintetico o raffinato direttamente in raffineria per ottenere i derivati del petrolio.

Negli ultimi cinque anni, l’ammontare degli investimenti nel settore delle energie pulite in Canada ha raggiunto quota 25 mld di dollari e la percentuale degli impiegati viaggia attorno al 37%. Si tratta di 23.700 persone che lavorano nelle aziende delle energie verdi, il cui numero supera le 22.340 unità, ovvero gli impiegati nel settore delle sabbie bituminose.

Le sabbie bituminose sono una combinazione di argilla, sabbia, acqua e bitume.

Le sabbie bituminose sono una combinazione di argilla, sabbia, acqua e bitume.

A livello mondiale, il numero degli impiegati nel settore delle energie verdi è di circa 6 milioni e mezzo.

Il settore delle energie pulite in Canada è passato dall’essere una piccola nicchia industriale a un agglomerato di grosse aziende. Il totale degli investimenti raccolti dal 2009 è più o meno lo stesso di quello raccolto dai settori agricolo, ittico e forestale messi insieme.

Se il totale degli investimenti ha conosciuto un vero e proprio ‘boom’, la capacità di produzione energetica dell’eolico, del solare, dell’idroelettrico e delle biomasse è cresciuta al contempo di circa il 93% dal 2009, dice lo studio citato.

Il supporto del governo è fondamentale per questa industria, così come lo è stato per altri settori strategici.

Fortunatamente, il governo di Ottawa ha fissato alcune importanti linee guida per le energie pulite, supportando attività promozionali e progetti di ricerca, lavorando per ridurre sprechi e scoraggiando la costruzione di centrali a carbone.

Il boom dell’occupazione nella Green Economy è anche supportato da fondi stranieri. Dei cinque maggiori investitori del settore dal 2009, soltanto la Manulite Financial Corp. è Canadese. Due aziende giapponesi fanno parte di questo quintetto, insieme a due gruppi bancari tedeschi.

Il fatto che investitori stranieri arrivino in Canada a investire nell’energia pulita, conferma che la Green Economy è una risorsa straordinaria per tutto il paese.

Vedi anche The Globe And Email