Dal 19 al 20 aprile 2011 Roma ospita la Seconda Conferenza nazionale sulle rinnovabili termiche. Un’occasione imperdibile per conoscere tutte le principali novità del Decreto Legislativo 3 marzo 2011, n. 28 (Attuazione della direttiva 2009/28/CE sulla promozione dell’uso dell’energia da fonti rinnovabili), le applicazioni tecnologiche e i nuovi meccanismi incentivanti per le rinnovabili termiche e l’efficienza energetica.

seconda conferenza nazionale energie rinnovabili 2011

seconda conferenza nazionale energie rinnovabili 2011


Presentazione della conferenza

Solare termico e termodinamico; usi diretti di fluidi geotermici; pompe di calore aerotermiche, idrotermiche e geotermiche; caldaie a biomasse solide, liquide e gassosse; cogenerazione a biomasse; reti di teleriscaldamento. Sono questi gli ambiti in cui si articola il nuovo macro-settore delle tecnologie per il riscaldamento e il raffrescamento alimentate con fonti rinnovabili, istituito dalla Direttiva 2009/28/CE, recepita in Italia col Dlgs 28/2011. Un settore poco noto all’opinione pubblica ma che, secondo i Piani del Governo, deve contribuire per il 44% all’obiettivo nazionale di energia da rinnovabili al 2020, un apporto, cioè, di gran lunga maggiore di quello dell’eolico e del fotovoltaico (12%) su cui si è concentrato finora il dibattito politico. Un settore che si basa su un’industria già radicata in Italia, articolata su diverse filiere (termo-idraulica, termo-meccanica, condizionamento, agro-industria, etc.), che ha a disposizione un enorme potenziale di fonti da sfruttare sul territorio, con la prerogativa di favorire un efficientamento più generale nei processi, in particolare nei consumi energetici dell’edilizia e nel riutilizzo dei residui agro-industriali.

La Conferenza si propone di

* diffondere la conoscenza delle principali tecnologie a rinnovabili termiche, evidenziando il loro potenziale applicativo e di penetrazione, la loro convenienza economica e gli ulteriori benefici per la collettività, in un quadro di crescente risparmio energetico;
* informare sui contenuti del recente Decreto rinnovabili, con particolare riferimento a quelli riguardanti le rinnovabili termiche, e consultare le associazioni degli operatori sulle loro proposte riguardanti i decreti attuativi;
* sollecitare un dibattito politico sugli oneri in bolletta e sul rapporto costo/efficacia dei diversi meccanismi di incentivazione delle rinnovabili e dell’efficienza energetica;
* sottolineare il ruolo chiave dell’agricoltura nel favorire uno sviluppo delle energie rinnovabili basato sul recupero e valorizzazione energetica dei residui agricoli, piuttosto che sulla diffusione incontrollata di impianti di generazione incompatibili con le caratteristiche del territorio agricolo e del paesaggio nazionale;
* evidenziare le relazioni fra nuovo conto energia per le fonti rinnovabili termiche e meccanismo vigente delle detrazioni fiscali del 55% per interventi di efficienza energetica nell’edilizia.

Alla conferenza interverranno, tra gli altri

rappresentanti di: Ministero dello sviluppo economico; Ministero dell’ambiente; Ministero delle politiche agricole; GSE (Gestore Servizi energetici); AEEG (Autorità per l’energia elettrica e il Gas); ENEA; FIRE (Federazione italiana per l’uso razionale dell’energia); REF (Ricerche per l’economia e la finanza); RSE (Sviluppo del Sistema elettrico)

Parlamentari delle Commissioni ambiente, attività produttive e bilancio della Camera dei Deputati;

rappresentanti di Sindacati e Associazioni di categoria: COLDIRETTI; CISL; Confindustria; Co.AER (Associazione Costruttori di Apparecchiature ed Impianti Aeraulici); Assolterm (Associazione italiana solare termico); Fiper (Federazione Italiana di Produttori di Energia da fonte Rinnovabile); FINCO (Federazione Nazionale industrie prodotti-impianti-servizi ed opere specializzate per le costruzioni. );

Rappresentanti delle Aziende di settore: Clivet; Robur; Turboden; Hera; Tecnocasa; Ariston, Aermec; Repower; Solar System; Wartsila

Media partner

Radio radicale, Staffetta Quotidiana, Gruppo Italia Energia, Regioni&Ambiente, Casa&Clima, Nuova Energia

Presso la sede della Conferenza (Palazzo Rospigliosi) saranno allestiti spazi espositivi in cui le aziende fornitrici di impianti, tecnologie e servizi nelle varie filiere delle rinnovabili per il riscaldamento e il raffrescamento presenteranno al pubblico le loro soluzioni.

La partecipazione è gratuita